" La cucina è un' opportunità, non un limite."

Filetto alla Wellington monoporzione

Avete presente il Filetto alla Wellington? Realizzato per il neo Duca Arthur Wellesley, un uomo incontentabile, dai gusti difficili, la ricetta del filetto alla Wellington è diventata presto la protagonista indiscussa delle tavole tra famigliari e non, in occasioni dei banchetti importanti. Una portata sontuosa, regale e perfetta da servire sulla splendida tavola di Natale.

Ebbene, un po’ per la voglia di sdrammatizzare, ma anche per esigenze di voler servire in modo informale un piatto importante e di sicuro successo, ho pensato di proporre la versione di filetto alla Wellington monoporzione. Ve lo aspettavate? Questa versione fa in modo che all’atto di servire, sia di facile impiattamento e più sbrigativo in versione aperitivo tra amici. Ecco come sono nati i miei Filetti Wellington’s bon bon.
Ho giocato con la forma, quindi con la presentazione, lasciando intatti gli ingredienti.
Nel gusto restano fedeli alla consistenza della ricetta, e ciò vi permette di servirli anche come antipasto, offrendone uno per commensale, o seconda portata, offrendone due o più.

Li vedo molto bene anche come Filetto alla Wellington in porzioni, da servire ad un buffet.
Insomma, sono così buoni ed esteticamente belli, che al di là di come li proporrete, saranno sempre graditi agli occhi e al palato.

filetto alla wellington monoporzione

RICETTA PER SETTE MONOPORZIONI DI FILETTO ALLA WELLINGTON


– 1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare
– 260 gr carne macinata di scottona
– 60 gr di prosciutto crudo a dadini
– 6 gr di funghi porcini secchi
– 1 uovo
– sale e pepe q.b.
– 1 filo d’olio d’oliva
– 1 spicchio piccolo d’aglio
– 1 cuc.no semi di lino
– 1 cuc.no semi di sesamo
– 2 cucchiai di senape

Iniziate dai funghi: versateli in una ciotolina con acqua tiepida, e lasciateli in ammollo venti minuti, o fin quando non si saranno completamente reidratati (1).

1

A questo punto scolateli in un colino, tenendo però da parte la loro acqua che vi servirà in cottura.
In una padella fate imbiondire lo spicchio d’aglio con l’olio, quindi sollevate l’aglio, tritate i funghi a coltello e versateli in padella. Fateli sfrigolare, poi aggiungete due cucchiai della loro acqua. Aggiungetene poi un cucchiaio per volta fino a completa cottura.
Tagliate a dadini la fetta doppia di prosciutto crudo (2).
In una boule versate la carne macinata, i funghi di cui avete avuto la premura di farli dapprima raffreddare, il prosciutto crudo. il pepe ed il sale (3). Mescolate il tutto e ricavatene sette polpette (4).
Fate riscaldare la stessa padella dove avete cotto i funghi (senza poi risciacquarla) e calate le polpette: dovranno sigillarsi su tutti i lati.
Una volta sigillatesi, mettetele su uno scottex e lasciatele riposare dieci minuti (5).

Siete pronti per la fase finale delle vostre Wellington’s bon bon: con un pennello da cucina, spennellate ogni polpetta con un velo di senape (6), quindi ritagliate la sfoglia in quadrati (7), posizionate al centro una polpetta per ogni quadrato (8), e rivestitele con la sfoglia stessa, richiudendole sul piano inferiore (9).

Sbattete l’uovo e spennelatene un goccio sulla superficie di ogni bon bon.
Quindi cospargeteli con un mix di semi (10).

Wellington's bon bon
10

Preriscaldate il forno in modalità ventilato, e cuocete le Wellington’s bon bon 20′ a 180.

Per rimanere sempre aggiornato, segui le pagine facebook ed instagram!

Iscriviti alla newsletter per ricevere le mie ricette e le novità riguardanti Cucina Casalinga di Jay.